Gli Ultimi Articoli

Fiori: speranze esaudite

1 comment

Fra ricorrenze e Santi: ripropongo ogni anno…

I fiori sono le speranze esaudite della terra

(Pam Brown)

E’ ancora  il 22 Maggio e il mio giardino è esploso ancora una volta in tutta la sua bellezza…con il ricordo e l’incanto del linguaggio dei fiori:

 

…poche cose vorrei da te soltanto

zampilli di fresche parole

che, come acqua di fiume,

scorressero verso me…

 

 

Abbiamo registrato la nostra Associazione come Promozione Culturale e abbiamo finalmente un’immagine ufficiale… quella che con il profumo dei fiori, ho sempre cercato di trasmettere…

 

E’ tornata la festa di Santa Rita e non posso fare a meno di aggiornare questo articolo che ha testimoniato tante mie esperienze e la bellezza della comunicazione con i miei diletti che sempre mi accompagnano. Questo dialogo è stato condiviso da tanti cari amici a da alcune Mamme in particolare … sulla cui bacheca avevo postato questa ricorrenza.

Fra queste menziono Laura, la Mamma di Marian… divenuta una “Madre Coraggio” testimone a Roma all’udienza dal Papa per le Vittime della strada:

“S.RITA era la mia protettrice e di seguito quella di mia figlia… Anche io adoro i fiori ,il giardino e di seguito anche mia figlia… lavorava presso un vivaio e studiava i giardini e gli insetti… mi ha colpito proprio il sito …è tutto ciò che ero io ed era mia figlia… lei amava tanto S. RITA tanto che a sua figlia ha dato il suo nome… era anche una devota moglie (si sarebbe sposata quest’anno) ma più che altro ha nel suo breve tempo cercato di cambiare le idee di un ragazzo sfortunato sacrificandosi nella rinuncia… di questi tempi trovare ragazze così non è facile anzi son criticate …non è che ne voglia fare un’eroina ma è così che mi hanno detto coloro che  l’hanno conosciuta ….come S. RITA io i segni non li so….ma questo è già uno… anche se la rabbia è ancora tanta e tantissimo il dolore ….in casa sua non c’erano riviste …ma solo immagini …e statue e la sua adorata S. RITA…vorrei tanto saper come andare avanti e farmene una ragione …è tutto un mosaico la mia vita e non riesco ancora ad assemblarla… grazie!”

Il ventidue maggio, nel calendario dei santi si ricorda S.Rita da Cascia. Di questa grande Santa si raccontano eventi straordinari che io ho cominciato a comprendere fin da bambina. Nella chiesa parrocchiale vicina alla mia abitazione, vi era un altare con una statua a lei dedicato ed ogni devoto che entrava, si inginocchiava per rivolgere una preghiera. La Santa infatti viene definita “la Santa degli impossibili” per le grandi sciagure che avevano devastato la sua vita: la morte del marito prima e dei tre figli poi e la Sua grande Fede nel superarle. Nella mia città, quando ero bambina si facevano ancora le “processioni” con le statue dei Santi; il 22 maggio mio padre addobbava il portone d’ingresso e la mamma stendeva sulle finestre le più belle coperte di seta. Poi al passaggio della Santa si lasciavano cadere sul corteo petali di rosa multicolori raccolti dai giardini delle case.

Questo atto di devozione è legato al trapasso di Rita, quando una parente le fece visita in un giorno di inverno e la Santa disse che avrebbe desiderato una rosa.  La parente si recò nell’orticello e grande fu la meraviglia quando vide una bellissima rosa sbocciata che colse e portò a Rita. Essa disse: “ Quando me ne andrò farò cadere dal cielo una pioggia di rose”. Cosi S. Rita divenne la Santa della “Spina” e la Santa della “Rosa”. Era il 22 Maggio del 1447. S. Rita prima di chiudere gli occhi per sempre, ebbe la visione di Gesù e della Vergine Maria che la invitavano in Paradiso. Una sua consorella vide la sua anima salire al cielo accompagnata dagli Angeli e contemporaneamente le campane della chiesa si misero a suonare da sole, mentre un profumo soavissimo si spanse per tutto il Monastero e dalla sua camera si vide risplendere una luce luminosa come se vi fosse entrato il Sole.



La grande devozione a questa Santa, devota Sposa e Madre,  a cui mi sono da sempre affidata, ha riempito il mio cuore di tenerezza per tutta la mattinata di sabato, anche quando sono andata a portare le rose in cimitero.
Ho posato il capo sulla pietra nuda della cappella dove abbiamo composto le splendide spoglie del nostro adorato figlio Andrea ed ho avvertito che emanava un debole vapore. Ho azzardato una carezza ed un alito di vento mi ha accarezzato il volto, i capelli. Ho pensato: “Mancava questo soffio! Dio è qui!” Sulla mensola a fianco ho posto un cero, simbolo del  fuoco e sul ritratto ho appeso una colombina bianca. Ho pensato che l’indomani sarebbe stata la V Domenica di Pasqua ed ho avvertito una grande pace interiore. 

«Non sia turbato il vostro cuore. Abbiate fede in Dio e abbiate fede anche in me.
Nella casa del Padre mio vi sono molti posti. Se no, ve l’avrei detto. Io vado a prepararvi un posto;
quando sarò andato e vi avrò preparato un posto, ritornerò e vi prenderò con me, perché siate anche voi dove sono io.
E del luogo dove io vado, voi conoscete la via».


Giovedì in serata sono venuti a casa mia alcuni amici della nostra associazione con i quali ci eravamo dati appuntamento per scambiare liberamente, fra noi, commenti ed esperienze. E’ la prima volta che questo accade da quando sono rimasta sola e Mentore non è in mia compagnia, per cui si è trattato di una circostanza veramente speciale. La mia casa ha le pareti “benedette” perchè vi si respira un’aria fatta di mistiche presenze; per questo ne amo i colori e le mille piccole cose di cui è ricolma, anche se si tratta di oggetti senza valore, ma con il dolce sapore dei “ricordi”.

Ciò che però colpisce nell’entrare dal cancello è l’immensa fioritura multicolore che fa somigliare il mio giardino ad un piccolo paradiso. In esso vi sono piante fiorite di tutte le dimensioni e colore e alberi da frutto. Fin qui non vi sarebbe nulla di speciale, ma, da quando è mancata la mia mamma, l’inverno scorso, ogni anniversario o data importante viene accompagnata da una nuova scoperta. La mia mamma amava tanto i fiori e quando era mia ospite le compravo sempre una piantina di piccole rose che ponevo sul davanzale della sua finestra; poi, quando se ne andava, la interravo in un angolo del giardino. Ora tutte quelle pianticelle sono diventate roseti che mi regalano boccioli lungo tutto il corso dell’anno e quando apro le finestre al mattino sono curiosa nello scoprire quale sorpresa mi sia stata data.

Questa è la più bella ed è sbocciata il giorno della festa della Mamma

Questa bellissima orchidea è sbocciata per la seconda volta nell’anniversario della sua dipartita.

La mia piccola palma, regalatami dalle mie insegnanti qualche anno fa, è fiorita per la prima volta, il giorno di Pasqua!

Dovrei, ora creare un album fotografico per raccontare le mille esperienze vissute nel mio giardino incantato, ma esse fanno parte di quel linguaggio nascosto che accompagna le mie giornate, così dense di impegni, impregnate di sofferenza, ma calde di affetti silenziosi che parlano nel profondo del mio cuore. Per questo, cari amici volevo mettervene a conoscenza… perchè i segni sono tanti che il Signore ci dà a nostro conforto… basta saperli cogliere!

  Un saluto “fiorito” da un angolo della mia casa, con un grande abbraccio di Luce!

Anche l’1 Novembre: Ognissanti

Anche oggi mi sento di postare qualche riga, riprendendo una pagina che ha riscosso tanta amorevole tenerezza. Come ho già scritto, i fiori con il loro colore e il loro profumo sono i protagonisti delle mie giornate, degli avvenimenti della mia vita e dello svolgersi della mia esistenza nel giardino incantato di casa mia.

Oggi era uno di questi giorni. La festa di Ognissanti è la festa dei nostri Ragazzi, dei nostri bimbi di cui saremo “Mamme per sempre”. Ne avevo intravisto il bocciolo i giorni scorsi, ma aprendo i battenti delle mie finestre, questa mattina è apparso in tutto il suo splendore questa meraviglia:

è la rosa che Andrea mi ha regalato, in questa umida e fredda giornata autunnale per dare “colore e calore” alla mia “fame d’amore” e alla mia ansia di speranza. Mi sono sentita alitare sul viso le parole:

“Mamma, questa rosa è il simbolo del mio amore indefinibile e ininterrotto “oltre il tempo”. Io con te e per te prego e ti faccio questo dono … devi sforzarti di vederlo. Sì, mamma cara, portalo a papà come … messaggio di tenerezza … Io di qua v’aiuto e ti vengo a salvare. Se sei indecisa  … continua ad amare!”

Cosa aggiungere? Sono andata dal mio sposo a Casa Madre Teresa e l’ho trovato con gli occhi spalancati, immobile, ma presente, quasi aspettasse una mia parola. Gli ho sorriso, fra le lacrime, come sempre e mentre gli parlavo l’ho visto fissare un punto lontano, dietro a me ed ho capito: “Hai visto, caro, è la Festa di tutti i Santi ed è Andrea che tu vedi, vero caro, e  la sua rosa per te!” Da quel volto sfatto e da quelle mani rattrappite è partita una luce accompagnata da un cenno di volere levarsi tentando di abbracciarmi.

I “fiori” sono il linguaggio dell’amore e della speranza esaudita. Grazie, Figlio mio, Dio ti rimeriti al centuplo per il conforto che anche oggi, in un giorno speciale, hai dedicato alla tua mamma.

è la rosa che Andrea mi ha regalato, in questa umida e fredda giornata autunnale per dare “colore e calore” alla mia “fame d’amore” e alla mia ansia di speranza. Mi sono sentita alitare sul viso le parole:

“Mamma, questa rosa è il simbolo del mio amore indefinibile e ininterrotto “oltre il tempo”. Io con te e per te prego e ti faccio questo dono … devi sforzarti di vederlo. Sì, mamma cara, portalo a papà come … messaggio di tenerezza … Io di qua v’aiuto e ti vengo a salvare. Se sei indecisa  … continua ad amare!”

Cosa aggiungere? Sono andata dal mio sposo a Casa Madre Teresa e l’ho trovato con gli occhi spalancati, immobile, ma presente, quasi aspettasse una mia parola. Gli ho sorriso, fra le lacrime, come sempre e mentre gli parlavo l’ho visto fissare un punto lontano, dietro a me ed ho capito: “Hai visto, caro, è la Festa di tutti i Santi ed è Andrea che tu vedi, vero caro, e  la sua rosa per te!” Da quel volto sfatto e da quelle mani rattrappite è partita una luce ed ho visto un cenno di volere levarsi tentando di abbracciarmi.

I “fiori” sono il linguaggio dell’amore e della speranza esaudita. Grazie, Figlio mio, Dio ti rimeriti al centuplo per il conforto che anche oggi, in un giorno speciale, hai dedicato alla tua mamma.

          … e un cuore rosso su un sole autunnale a forma di lancia che lo trafigge, riscalda le ore della mia giornata!    Sotto il suo volto     

Sotto il suo volto in mezzo e, a sinistra, l’ala di un angelo…   

 

Sotto il suo volto in mezzo e, a sinistra, l’ala di un angelo…      

 

Commenti

Commenti di facebook

Edda CattaniFiori: speranze esaudite

Related Posts

1 comment

Join the conversation
  • Edda Cattani - 26 maggio 2011 reply

    Cara Edda, siamo sempre dei ”grandi bambini”, in ogni situazione, in ogni occasione. Passano gli anni e con essi tanti paesaggi, tante albe diverse. Noi ancora e sempre lì, a cercare la bellezza, gli abbracci più forti e più teneri, due occhi limpidi nei quali specchiarsi.

     Padre mio (!), tutti siamo creati per i caldi raggi del sole e non abbiamo né età né tempo né dolore. Ah, se potessimo aguzzare la vista come dei gatti per squarciare ogni nostro velo o rappresentazione, così da capire tutta la magia che ci circonda, tutta la gratuità che ci viene incontro. Nello sforzo e nella fatica raccogli tutti i nostri pezzi, facci sentire come se stessimo galleggiando in un mare calmo, limpidamente dolce.

    Se il tuo spirito non avesse partorito quegli articoli, i miei commenti non sarebbero mai nati. E credimi, scaturiscono così, spontaneamente, senza alcuna costruzione mentale come questo scritto. Se li ritieni opportuni: come semi da spargere. C’è ben poco di angelico; è solo un abbandonarsi al fluire della vita come un naufrago che non sa se andrà a toccare qualche sponda.

    E la sera, quando il silenzio inizia ad avvolgere tutte le cose, c’è un appuntamento al quale non mi va di mancare: appoggiare sul cuore un crocefisso e rivolgere pensieri di pace anche a lei e ai suoi cari. Un abbraccio di sole. (P.V.) 

     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *