All posts tagged: epifania

Occhi dei Magi

No comments

“…e il Verbo si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi ..” .. ecco il progetto di sapienza di Dio: l’amore si fa carne .. siamo seme di Dio, della stessa specie di Dio .. perché “ogni seme genera secondo la sua specie” .. così l’infinito viene nei nostri confini di carne .. e li fa diventare un perimetro divino .. come il fuoco che si riduce alla scintilla .. e la Vita stessa di Dio è in noi .. questo è ‘il potere di diventare figli di Dio’ .. figli dell’Amore .. (fra Benito)

magi

Occhi dei Magi

(Matteo 2,1-12)
Epifania del Signore

Non lo capisci subito ma l’inquietudine che ti muovono dentro è inequivocabile. Ti guardano con quegli occhi innocenti e sicuri, occhi che hanno visto troppo mondo per farsi intimorire da un re. Hanno addosso il profumo delle notti passate ad osservare nuovi cieli e tentare nuove strade e ipotizzare nuove rotte, hanno addosso la timidezza dei saggi e la sicurezza di chi ha resistito ai pericoli del viaggio pur di dare seguito a un Sogno. Hanno viaggiato, e hanno accumulato vita in quel viaggio e questo basta a regalare alle loro parole una pienezza che fa paura. A te che ascolti e che non sai cosa vuol dire lasciare tutto senza sapere, a te che non sai cosa vuol dire credere ancora al futuro, a te che non sai cosa significhi mettere a repentaglio la vita o assaporare il terrore di infilare tutto il futuro in una sacca e di rischiare, in un colpo solo, di perdere tutto, a te, tutta questa vita inizia a far male. Sono lame quegli sguardi. Non lo capisci subito ma l’inquietudine che ti lasciano quegli occhi orientali non te la toglierai più di dosso, te la sognerai anche di notte. Gli occhi dei Magi. E non ti sentirai più al sicuro nel tuo Palazzo. Non lo capisci subito, lo capisci solo dopo, che quel mondo da cui ti sei difeso, che hai tenuto lontano, che hai dipinto come ostile ora ti è entrato dentro. Solo dopo capisci che la visita dei Magi è la vita che sfonda le pareti della Città Santa, è la vita che entra nella Scrittura, è la fede che diventa domanda totale, semplice e definitiva: “Dove è colui che è nato, il re dei Giudei?”. Solo dopo capisci che non puoi dire di aver fede se i tuoi occhi non diventano come quelli dei Magi.

“Dove è?”, chiedono. Erode ha paura perché è troppo intelligente, capisce che quella è l’unica domanda a cui non vuole dare risposta. Erode lo sa che le Scritture dicono il vero, e ne ha conferma dopo aver interrogato i capi dei sacerdoti e gli scribi del popolo. Sa benissimo tutto, solo spera fino alla fine che la Scrittura non diventi realtà. Erode è la persona che conosce la Scrittura, che ne comprende le pieghe più sottili ma che spera con tutto il cuore che la Scrittura rimanga altro dalla vita. Erode non è molto lontano dal nostro modo di credere. Sappiamo cosa dice la Bibbia, sappiamo che il Vangelo è parola vera ma speriamo sempre che la realtà non si lasci travolgere da tanta divina follia. L’evangelista, raccogliendo e ridisegnando racconti anticotestamentari, paragonerà Erode al Faraone, stessa strage di bambini innocenti, perché? Per il patetico tragico tentativo di preservare la vita dalla Scrittura, per cercare di impedire alla storia di lasciarsi fecondare dalla profezia.

I magi che ti guardano negli occhi e che dicono di una scelta, di un viaggio, di un cambiamento radicale fanno paura non per quello che dicono ma per quello che sono: loro sono vite travolte dalla profezia. Loro sono esempi concreti della Parola che si fa carne. Sono incarnazione di un sogno, sono la fede che smette di essere astratta, sono la vita che cambia orizzonte, sono la prova che la Scrittura non è solo vera ma può diventare reale. E il re, paradossalmente, non comprende il reale. E resiste. Ecco perché non si sposta, ecco perché non va di persona a controllare, è chiaro che l’evangelista sta raccontando altro rispetto a una storia di per sé non troppo credibile: se ti dicono dove è nato il tuo avversario politico perché non mandare ad uccidere direttamente lui invece di ammazzare tutti i primogeniti? No, non è racconto cronachistico questa è la narrazione di una verità più nascosta e non meno vera: è la storia di una tentazione, è il racconto di come si possa rendere vana la lettura del Vangelo che Matteo ha da poco iniziato. Se sei come Erode puoi anche leggere tutto il Vangelo, puoi farti aiutare dai capi dei sacerdoti e dagli scribi a decifrarlo ma se non accetti che la tua vita venga toccata e turbata e sconvolta dal vangelo a nulla vale la lettura. Messaggio chiaro, per gli aspiranti lettori di tutti i tempi.

Accanto a Erode ecco i sapienti. Anche su di loro lo stesso avvertimento: non basta comprendere le Scritture, non basta interpretarle, occorre tirarne le conseguenze. Occorre lasciarsi cambiare profondamente, iniziare cammini nuovi, cedere alla tentazione di convertire il cuore. Più leggo queste prime pagine evangeliche più mi sembrano le istruzioni d’uso per non sprecare la lettura del Vangelo, più che una cronaca sono una specie di preparazione all’incontro.

Intanto i magi ci guardano, loro che non hanno nemmeno capito tutto della Scrittura, loro che non hanno catechismi e iniziazioni alla fede, loro che non hanno tradizioni da difendere eccoli disarmanti e ingombranti a chiedere conto di una stella. Perché è una stella che li ha portati lì. Poi, certo, serve la Scrittura e infatti la stella si spegne fino a quando la Scrittura non illumina il cammino però. Però fino a Gerusalemme sono arrivati seguendo una stella. E non è sicuramente un colpo di teatro, non è il cedimento dell’evangelista a un commovente particolare cosmico è solo che non poteva che essere così. Perché la fede parla nella vita e se questi erano osservatori del cielo ecco che la fede li interpella nel loro mestiere, nella loro maniera di essere uomini. Con i pescatori Gesù si affiderà alla grammatica di reti gonfiate da una pesca miracolosa, con degli astronomi: stelle.

E fanno paura perché sono navi che hanno trovato il coraggio di salpare, sono vite in grado di rimettersi in discussione. Matteo regalandoci questa pagina mostra le condizioni necessarie per intraprendere il viaggio della verità: vita e Parola. Insieme. Solo Parola genera sapienti immobili, solo Stella genera uomini condannati al finito. Ma se apri la vita alla Scrittura e ti abbandoni a una danza nel deserto allora ecco gli occhi dei Magi.

Poi è cammino che si compie, i Magi riprendono il cammino e “la stella che avevano visto spuntare li precedeva”. Mi piace davvero molto questo passaggio. Dopo aver incrociato le Scritture ecco che i Magi comprendono in altro modo la vita che hanno vissuto fino a quel momento. La stella che avevano visto spuntare cioè tutta quella vita vissuta con passione adesso è riletta come qualcosa che ha “preceduto”, come se avessero intuito, adesso che hanno letto la Scrittura, il Senso del loro vivere. Succede. Il confronto con la Scrittura non toglie il rischio e la paura di sbagliare, non dice in anticipo cosa fare o cosa scegliere ma esplicita il Senso di una vita vissuta in pienezza. E il Senso è incontrare Dio dentro la storia. Ma questo avviene solo a prezzo di un Esodo personale, di uno smarrimento e di un ritrovamento continui.

La solennità dell’Epifania possa farci sentire addosso gli occhi dei Magi, occhi di chi comprende che il sapere ha bisogno di polvere, che la Parola ha bisogno di stelle, che la fede è possibile solo a un cuore in cammino.

(A.Dehò)

 

Edda CattaniOcchi dei Magi
Leggi Tutto

Aspettando i Re Magi

No comments

 

Aspettando “alcuni maghi dall’Oriente…” (Mt 2,2)

  

   “ Gesù nacque a Betlemme di Giudea, al tempo del re Erode. Alcuni Magi giunsero da oriente a Gerusalemme e domandavano: “Dov’è il re dei Giudei che è nato? Abbiamo visto sorgere la sua stella , e siamo venuti per adorarlo”.

Ed ecco ancora una volta Padre Alberto Maggi, del Centro CENTRO STUDI BIBLICI “G. VANNUCCI” di Montefano, nel commento al Vangelo dell’Epifania:

Nella festa dell’Epifania la chiesa ci presenta il testo di Matteo nel quale si annunzia l’amore universale di Dio per tutta l’umanità. Questo amore universale non intende soltanto l’estensione, cioè ovunque, ma la qualità di questo amore, per tutti.

Vediamo allora il capitolo 2 di Matteo. “Nato Gesù a Betlemme di Giudea al tempo del Re Erode …”, e qui l’evangelista richiama l’attenzione. Infatti, con un avverbio, coglie la sorpresa di quanto avviene.

“Ecco”, quando l’evangelista adopera questo avverbio ‘ecco’ è sempre per una sorpresa, “alcuni maghi vennero da oriente”. Questo episodio è stato talmente sconcertante e talmente imbarazzante per la chiesa primitiva, che poi si è provveduto, man mano nel tempo, a trasformarlo quasi in un evento da fiaba, un evento folclorico, anziché di profonda ricchezza teologica.

 

 

Perché? Con il termine mago si indicavano gli ingannatori, i corruttori, era un’attività condannata dalla Bibbia e vista severamente dalla prima comunità cristiana. Per il dicaché, il primo catechismo della chiesa, l’attività del mago è proibita ed è collocata tra il divieto di rubare e il divieto di abortire, e anche nel Nuovo Testamento il mago viene visto in maniera negativa.

Eppure i primi che vengono per adorare Gesù, per accogliere Gesù, sono proprio dei maghi e per di più pagani, quindi le persone ritenute le più lontane da Dio. I pagani non sarebbero risuscitati, i pagani non erano degni della salvezza, e per di più sono dediti ad un’attività che la stessa Bibbia condanna. Ecco la sorpresa.

 

 

Questo fatto è stato talmente imbarazzante che poi, nella tradizione i maghi sono diventati l’innocuo termine ‘magi’, si è provveduto a dare loro dignità regale e a farli diventare re, in base ai doni stabilito il numero, e stabilito anche il nome. I personaggi del presepio erano pronti a discapito della ricchezza teologica di questo brano.

Vengono questi e dicono di aver visto spuntare la sua stella. Qual è il significato della stella? Era credenza comune che ogni individuo, quando nasceva, aveva una stella con lui e che poi scompariva con la sua morte. Usiamo anche noi l’espressione popolare “essere nato sotto una buona stella”, ma qui soprattutto l’evangelista si riferisce alla profezia di Balaam, nel libro dei Numeri al capitolo 24, dove si legge “un astro sorge da Giacobbe”, una stella, “e uno scettro si eleva da Israele”.

Era la profezia con la quale si indicava prima il re Davide e poi era passata ad indicare il messia, quindi l’evangelista vuol dire che questa è la stella che indica il segno divino della nascita del messia. Ebbene, “All’udire questo Erode restò turbato”, si capisce perché Erode era un re illegittimo, sospettoso di chiunque potesse togliergli il regno.

 

Quindi qui è venuto a sapere che è nato il re dei Giudei, lui che ha ucciso addirittura tre figli suoi, ma quello che è strano è che con lui si turba, si spaventa tutta Gerusalemme. Sia Erode che Gerusalemme hanno paura per quello che stanno per perdere, Erode il trono, e Gerusalemme il tempio, l’egemonia e l’esclusiva sulla figura di Dio.

Trono e tempio sono all’insegna del potere. Ebbene, dopo l’episodio dell’informazione sulla nascita di questo messia, con l’intento di Erode di arrivare a scoprire il luogo dove andare ad adorarlo … è la menzogna del potere, perché in effetti poi vedremo che deciderà di ammazzare – andiamo al versetto“Udito il re, essi partirono. Ed ecco la stella, che avevano visto spuntare, li precedeva”.

 

 

La stella, segno divino, non brilla su Gerusalemme, che fin dall’inizio in questo vangelo, viene collocata in una luce tetra, in una luce negativa. Gerusalemme è la città di morte, quella che uccide i profeti e gli inviati da Dio, e la stella, segno divino, non brilla su Gerusalemme. Come Gesù risuscitato, in questo vangelo, non apparirà mai a Gerusalemme.

 

Così cari amici si chiudono le giornate di letizia che il Santo Natale, con l’incarnazione del Figlio di Dio ci ha portato.

Dialogo tra i Magi e Maria

 

Efrem Siro (306-373)

 

 

I magi: “Una stella ci ha annunciato

che Colui che è nato è il re dei cieli.

 

Tuo figlio comanda gli astri,

che sorgono solo al suo ordine”.

 

Maria: “E io vi rivelerò un altro segreto,

perché ne siate persuasi:

da vergine,  ho dato la luce a mio figlio.

Egli è figlio di Dio.

 

Andate, e annunciatelo alle genti!”

 

I magi: “Pure la stella ce l’aveva fatto conoscere,

che tuo figlio è figlio di Dio e Signore”.

 

Maria: “Mari e monti lo testimoniano;

tutti gli angeli e tutte le stelle:

Egli è il figlio di Dio e il Signore.

Datene l’annuncio nelle vostre terre,

che la pace si diffonda nel vostro paese”.

 

I magi: “Che la pace del tuo figlio

ci riporti nel nostro paese,

senza pericoli come siamo venuti,

e quando Egli dominerà il mondo,

che visiti e benedica la nostra terra”.

 

Maria: “Esulti la Chiesa e intoni gloria,

per la venuta del figlio dell’Altissimo,

la cui luce ha illuminato cielo e terra,

benedetto Colui la cui nascita

 

allieta il mondo!”

 

L’Epifania perciò è il Dio con noi, Colui che è nato e si fa riconoscere, anche nella nostra storia quotidiana. 

PENSIERO SPIRITUALE: Beata ELISABETTA della Trinità

«Ho visto brillare la stella luminosa che m’indicava la culla del mio Re.

Nella pace e nel mistero della notte,verso di me sembrava camminare.

Poi, colma d’incanto, udii la voce dell’Angelo di Dio che mi diceva:

“Raccogliti, il mistero si è compiuto,

proprio dentro di te, nella tua anima.

Gesù, splendore del Padre, in te s’è incarnato,

stringiti il tuo Diletto insieme alla Vergine Madre: è tuo”.»

 

  


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Edda CattaniAspettando i Re Magi
Leggi Tutto